Il Museo della Canzone Napoletana
Entro un anno circa 12.000 brani saranno restaurati, archiviati e messi a disposizione nel museo della Canzone Napoletana che sarÓ allestita, permanentemente, nei locali della Mostra D'Oltremare a Napoli
Caserta, 20 Marzo 2001. Nella rubrica delle lettere Mimý Ciaramella ci ha segnalato una iniziativa davvero molto importante, per cui vi riporto in questa pagina le notizie salienti ricevute tramite mail. (emilio)

Mimý Ciaramella: Voglio far conoscere a tutto il popolo di Casertamusica una iniziativa interessante.
Su invito del Presidente Regionale Bassolino ho partecipato, in rappresentanza degli Avion's, alla firma del protocollo di intesa, tra RAI, Regione Campania e Provincia di Napoli, al fine di catalogare e recuperare le registrazione sonore, esistenti nelle teche Rai di Napoli, riguardanti la canzone napoletana.
All'incontro in Regione erano presenti vari artisti della vecchia e nuova generazione: Aurelio Fierro; Nunzio Gallo; Luciano Rondinella; Nuova Compagnia di Canto Popolare; James Senese; Gigi D'Alessio; Mirna Doris; Angela Luce; Enzo Gragnianiello; Gloriana e "telefonicamente" l'immenso Renato Carosone. Le opere recuperate saranno raccolte e messe a disposizione su internet e, a operazione ultimata, tutto il materiale farÓ parte del Museo della Canzone Napoletana. Niente male, vero?

Emilio: Grazie della notizia, che Ŕ bellissima!
Mi piace soprattutto il fatto che il tutto sarÓ messo a disposizone su Internet.
Spero che insieme alla canzone classica (meravigliosa)sia salvaguardato anche il patrimonio della musica popolare. In tal caso mi raccomando di recuperare anche lo splendido lavoro a cura di Roberto De Simone: "Canti e Tradizioni popolari in Campania" del 1978. Era un cofanetto di 7 LP, lavoro fondamentale e storico che documenta fedelmente canti rituali raccolti, tra l'altro, anche nel Casertano. L'opera, che and˛ immediatamente a ruba tra gli appassionati, fu realizzata e distribuita tra i vari Enti e Biblioteche dall'Ente Regione Campania. Il cofanetto di dischi Ŕ da anni fuori catalogo, e non so che darei per averlo.
Infine due domande:
1) I brani pi¨ vecchi verranno restaurati?
2) E' prevista anche la pubblicazione dell'audio di questi brani, o solo la loro catalogazione?

Mimý Ciaramella: l'iniziativa prevede la catalogazione, la restaurazione e duplicazione con tecnologia digitale dei vecchi materiali fonografici, quelli RAI ma anche quelli dei collezionisti privati. Nell'opera saranno impiegati innanzitutto tecnici della radiofonia RAI di Napoli. Il Direttore Generale (ex) Rai, Celli, all'incontro ha assicurato che giÓ entro 5 mesi una prima parte dell'archivio sarÓ a disposizione del pubblico e entro un anno circa 12.000 brani saranno restaurati, archiviati e messi a disposizione nel museo della Canzone Napoletana che sarÓ allestita, permanentemente, nei locali della Mostra D'Oltremare a Napoli. Per quanto riguarda "Canti e Tradizioni Popolari in Campania " di De Simone, potremmo farci promotori al fine dell'inserimento dell'opera nell'archivio.
Ciao.

 

www.casertamusica.com e www.locali.caserta.it. Portali di musica, arte e cultura casertana  
Mail: redazione@casertamusica.com; Articoli e foto ę  Casertamusica.com  1999 / 2006
In assenza di espressa autorizzazione Ŕ vietata la riproduzione o pubblicazione, totale o parziale, degli articoli.