Arianna

Fiori di equinozio

 

Caserta Film Lab: eventi

Caserta - Novembre 2015

Comunicato stampa

martedý 3, ore 21 e mercoledý 4, ore 17.30, "La prima luce" del regista napoletano Vincenzo Marra
Il film, interpretato da Riccardo Scamarcio, Ŕ stato insignito del Premio Pasinetti come Miglior Film della sezione Giornate degli Autori alla Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia 2015. Martedý 3 alle ore 21.00 il regista Vincenzo Marra sarÓ ospite in sala per incontrare il pubblico del Cineforum. Marra, considerato uno dei registi pi¨ interessanti del panorama cinematografico nazionale, aveva debuttato nel cinema di finzione con “Tornando a casa” premiato come Miglior Film della Settimana Internazionale della Critica di Venezia 2001. Numerose sono state le sue partecipazioni a Venezia e nel 2008 il suo film “L'ora di punta” con Fanny Ardant Ŕ stato inserito nel concorso ufficiale della Mostra. Molto prolifica ed interessante Ŕ anche la sua produzione documentaristica; tra gli altri si ricordano “Estranei alla massa”, “L'udienza Ŕ aperta”, “Il gemello” e “L'amministratore”, questi ultimi due giÓ presentati a Caserta. “La prima luce”, girato tra Bari e a Santiago del Cile, racconta la fine di un rapporto amoroso e, con esso, lo smarrimento di una giovane donna che vive lontano dal suo paese ed il dramma di un padre improvvisamente privato di ogni contatto col figlio.
martedý 10, ore 21.00 e mercoledý 11 novembre, ore 17.45, “Arianna”, opera prima del regista Carlo Lavagna.
Martedý 10 il regista sarÓ presente in sala per incontrare il pubblico di Caserta Film Lab. Il film Ŕ stato presentato lo scorso settembre alla Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia nella sezione Giornate degli Autori ed ha ricevuto il premo della Giuria dei Critici Europei e del Mediterraneo per la migliore interpretazione femminile alla giovane protagonista, Ondina Quadri. “Arianna” Ŕ il ritratto di una ragazza che alla soglia dei venti anni prende consapevolezza della sua intersessualitÓ. Lavagna affronta un tema ancora inesplorato dal nostro cinema con straordinario garbo e delicatezza raggiungendo un risultato unanimemente apprezzato da pubblico e critica. Carlo Lavagna, qui al debutto in un’opera di lungometraggio, ha alle spalle numerose esperienze sia nell’ambito pubblicitario con corti e spot per note firme della moda italiana che in quello televisivo con importanti interviste a grandi nomi del mondo del cinema e della cultura realizzate per conto di emittenti europee ed americane. L’incontro con l’autore sarÓ curato e condotto dal direttore artistico di Caserta Film Lab Francesco Massarelli
17 e 18 novembre, "La vita Ŕ facile ad occhi chiusi" del regista spagnolo Fernando Trueba
Il film, presentato, tra gli altri, anche al Festival di Giffoni del 2014, Ú ambientato nella Spagna franchista del 1966 e ha come protagonista un professore di inglese che utilizza le canzoni dei Beatles per insegnare la lingua ai suoi studenti. La vicenda narrata Ŕ ispirata a fatti realmente accaduti ed Ú il viaggio che il professore compie insieme a due ragazzi raccolti per strada nel tentativo di incontrare John Lennon impegnato sul set di "Come ho vinto la guerra". Il film, premiato in patria con ben 6 premi Goya, Ŕ una commedia dolce-amara che riflette sulla condizione del paese e sulle ripercussioni che quel clima dittatoriale porta nelle vicende intime e private dei protagonisti. Il titolo del film Ú il verso iniziale della celebre canzone "Strawberry Fields Forever", scritta proprio da Lennon in quel periodo ed Ú anche l'occasione per celebrare il grande artista inglese a poche settimane dal 35^ anniversario del suo assassinio.
Martedý 24, ore 21, e mercoledý 25, ore 18, ciclo dedicato al maestro del cinema giapponese Yasujiro Ozu con "Fiori di equinozio", opera del 1958 e prima a colori del regista. Il film segna un importante passaggio nella filmografia dell'autore che dalle tematiche legate ai valori della tradizione del paese sposta la propria attenzione verso le istanze delle nuove generazioni, pur continuando a porre al centro della sua analisi la famiglia.
Giovedý 26, ore 21, sarß presentato invece, come evento speciale, il nuovo film del regista casertano Pietro Marcello, "Bella e perduta". L'opera, che ha rappresentato in concorso ufficiale l'Italia al Festival di Locarno, Ŕ stata successivamente presentata anche a Toronto, Vienna, Copenhagen e Rio de Janeiro prima di essere pre-apertura della 33^ edizione del Torino Film Festival, che giß vide Marcello vincitore del premio per il miglior film nel 2009 con "La bocca del lupo". Il film, a metß strada tra il documentario e la finzione, prende spunto dalle amare vicende della Reggia di Carditello e racconta l'eroica resistenza di un volontario che se ne prese cura fino alla sua prematura morte, Tommaso Cestrone, conosciuto anche come L'angelo di Carditello. Il film rappresenta una denuncia verso l'incuria e gli scempi che mortificano il patrimonio culturale del nostro paese, ma ha anche i toni della fiaba seguendo le vicende di un bufalotto di nome Sarchiapone che accompagnato dal suo Pulcinella riflette sulla condizione del mondo in cui viviamo Ŕ lo sogna popolato solo da animali. Il film di Marcello, come giß le sue opere precedenti, sta riscuotendo un grandissimo consenso da parte di tutta la critica specializzata, a testimonianza del fatto che ci troviamo di fronte ad un grande talento e ad un vero innovatore del nostro cinema

Cinema Duel, Via Borsellino, Caserta

Casertamusica.com - Portale di musica, arte e cultura casertana. Testi ed immagini, ove non diversamente specificato, sono proprietà di Casertamusica.com e della Associazione Casertamusica & Arte. Vietata ogni riproduzione, copia, elaborazione anche parziale. Tutti i diritti riservati. Per segnalazioni: redazione@casertamusica.com
Related sites: Orchestra Popolare Campana - Locali Caserta - Corepolis - Centro Yoga L'Arnia.