Cose d'interni: eventi ed attività

Capua (CE) -  gennaio 2020

Comunicato stampa

Sabato 8 febbraio, ore 19, Scrivere campano: Un nuovo ciclo di appuntamenti "fuori festival" di Capua il Luogo della Lingua festival al Circolo dei lettori di Capua, dove in compagnia di Ottavio Mirra e Mariateresa Verona incontreremo una nuova generazione di scrittori campani che già fa parlare molto di sé.
Incontriamo Alessio Forgione autore di "Giovanissimi"
con Ottavio Mirra, Mariateresa Verona
Dopo Napoli mon amour, torna lo scrittore napoletano definito l’erede di Raffaele la Capria e del suo Ferito a morte.
Alessio Forgione è nato a Napoli nel 1986. Scrive perchè ama leggere e ama leggere perchè crede che una sola vita non sia abbastanza. Il suo romanzo d’esordio, Napoli mon amour, ha vinto il Premio Berto 2019 e il Premio Intersezioni Italia-Russia; in corso di traduzione in Francia e Russia, verrà portato in scena al Teatro Mercadante di Napoli con la regia di Rosario Sparno.
IL LIBRO
Marocco ha quattordici anni e vive con il padre a Soccavo, Napoli. La madre li ha abbandonati qualche anno prima, senza lasciare tracce né dare più notizie di sé. La sua assenza è una ferita aperta, un dolore sordo che non gli dà mai pace. La vita di Marocco ruota attorno agli allenamenti e alle trasferte: insieme a Gioiello, Fusco e Petrone è infatti una giovane promessa del calcio. Al liceo, invece, le cose non vanno affatto bene. Marocco preferisce starsene in giro con gli amici del quartiere o a casa a leggere Dylan Dog, piuttosto che andare a scuola e studiare. Ma due cose stanno per cambiare la sua vita: l’arrivo di Serena, che porta l’amore, acerbo e magnifico, e la proposta di Lunno, il suo amico più caro, che mette in discussione tutte le sue certezze.
Domenica 9 febbraio, ore 17.30, Un te con la poesia, a cura di Mariastella Eisenberg
incontriamo la poetessa Rosanna Bazzano
Mediterranea in ogni suo sentire, è nata a Floridia (SR), vive e gestisce un Caffè letterario a Napoli.
Per quattro edizioni dal 2005 al 2008 viene insignita del Premio Internazionale alla cultura per la poesia del trofeo Medusa Aurea bandito dall’Accademia Internazionale di Arte Moderna di Roma. Nel 2009 vince il premio nazionale Il Fiore e le viene assegnato il Premio Gilda Mignonette per aver dato lustro alla cultura napoletana. In vernacolo vince nel 2006 e nel 2009 il Premio Carmine Capasso di Napoli. Per la prosa ha vinto con due racconti brevi il premio letterario La mia pagina nel 1991 e il concorso bandito dalla Associazione A.L.I. Penna d’autore, di Torino nel 2005, finalista in prestigiosi concorsi nazionali e internazionali è presente in numerose antologie.
Nel 2009 pubblica, unico autoprodotto, la autobiografia poetica "L’Olivo Saraceno".
Del 2012 è "Lune d'agosto", Intra Moenia edizioni recensito spontaneamente dal Tg 3 Campania, da La Repubblica e 2 volte dalla rivista nazionale Poesia di Crocetti editore. Sempre
del 2012 è la favola poetica "Gelsomina e il pupazzo di neve", Iemme edizioni.
Ancora nel 2012 il libro di ricette filastroccate per bambini “Il Mangiarime”, Iemme edizioni, su ricette della chef stellata Rosanna Marziale.
Nel 2013 esce “Il nuovo Mangiarime”, Iemme edizioni, ancora con ricette della Marziale.
Nel 2014, l’antologia “Incontrati a Caserta”, cinque poeti campani e un editore svizzero, ed. alla chiara fonte, Lugano
Traduce diversi poeti stranieri in dialetto napoletano, in particolare Anna Achmatova. I suoi lavori sono stati spontaneamente recensiti da moltissime testate giornalistiche tra cui spiccano: Tg3 Campania, La Repubblica, Il Mattino, Il Roma, sito Riso Flora.
Giovedì 13 febbraio
, ore 18,30, Presentazione di "A mia moglie" di Roberto D'Antonio
Artetetra edizioni, Capua 2019
Intervengono: Ada Marinelli, moglie dell'autore, Augusto Petito, responsabile editoriale Artetetra edizioni
Il libro
Ada e Roberto hanno poco più di quarant’anni, tre figli maschi che si stanno affacciando alla vita e conducono una vita abbastanza tranquilla in un paese di provincia della Puglia, San Giorgio Jonico.
Si amano profondamente anche se Roberto, capitano di lungo corso della marina mercantile, passa lunghi periodi lontano da casa. Nonostante le prolungate assenze del marito, le difficoltà di crescere i figli e mandare avanti un negozio, Ada, anche grazie ad una fede sincera, è felice della vita che conduce. All’improvviso, però, Ada si ammala di leucemia e la routine della sua vita, della sua famiglia e del suo lavoro viene completamente stravolta. Roberto resta sempre al suo fianco nella lunga trafila di ricoveri e terapie che si prolunga per due anni e che finalmente porta alla guarigione di Ada che può tornare dalla sua famiglia con rinnovata energia. Alla fine del tormentato percorso, Roberto approfittando del venticinquesimo anniversario di matrimonio, ha scritto una lunga lettera ad Ada ripercorrendo passo dopo passo il travaglio vissuto da tutta la famiglia, dalla scoperta della malattia alla guarigione, passando per i tanti momenti dolorosi legati ai ricoveri in ospedale e alle terapie. Il racconto, tuttavia, diviene l’occasione per una lunga dichiarazione d’amore di un uomo che nel momento più difficile ha visto rinnovarsi e rafforzare il legame verso sua moglie.
La lettera di Roberto è rimasta in un cassetto per oltre vent’anni, quando Ada, dopo la morte del marito, avvenuta per ironia della sorte a causa della stessa malattia da cui lei era guarita, ha deciso di darla alle stampe per ricordare Roberto e il loro grande amore.
I proventi del volume sono devoluti all’AIL.
L'autore
Roberto D’Antonio (1944-2013), coniugato e padre di tre figli, è stato capitano di lungo corso della marina mercantile ma soprattutto un uomo di grande cultura e profonda fede. Amante della lettura e di ogni forma di espressione artistica, profondamente legato alla moglie e alla famiglia nonostante il suo lavoro lo portasse in giro per il mondo. Ha scritto per tutta la vita anche se ha preferito non dare alle stampe nulla.
Domenica 16 febbraio
ore 19, ([fuori] festival) Reading di Lorenzo Marone, tratto dal nuovo libro "Inventario di un cuore in allarme" (Einaudi)
introduce Marilena Lucente
Il Libro
Per un ipocondriaco che vuole smettere di tormentare chi gli sta accanto con le proprie ossessioni, trovare una valvola di sfogo è una questione vitale. Ma come si impara ad affrontare la paura da soli? Forse raccontandosi. È quello che fa Lorenzo Marone,
senza timore di mostrarsi vulnerabile, con una voce che all’ansia preferisce lo stupore e il divertimento. Scorrendo l’inventario delle sue fobie ognuno può incontrare un pezzo di sé e partecipare all’affannosa, autoironica ricerca di una via di fuga in discipline e pratiche disparate: dalla medicina alla fisica alla astronomia, dalla psicologia alla religione, dai tarocchi all’astrologia. Alla fine, se esorcizzare del tutto
l’angoscia resta un miraggio, possiamo comunque reagire alla fragilità ammettendola. E magari accogliere, con un po’ di leggerezza, le imperfezioni che ci rendono unici.
Lorenzo Marone (Napoli, 1974) ha pubblicato La tentazione di essere felici (Longanesi 2015; Premio Stresa 2015,
Premio Scrivere per amore 2015, Premio Caffè Corretto - Città di Cave 2016), che ha ispirato un film, La tenerezza, diretto da Gianni Amelio; La tristezza ha il sonno leggero (Longanesi 2016; Premio Como 2016), da cui verrà tratto un film omonimo per la regia di Marco Mario De Notaris; Magari domani resto (Feltrinelli 2017; Premio Selezione Bancarella 2017); Un ragazzo normale (Feltrinelli 2018; Premio Siani 2018); Tutto sarà perfetto (Feltrinelli 2019) e il saggio Cara Napoli (Feltrinelli 2018). Ha una rubrica domenicale, «I Granelli», su «la Repubblica» di Napoli; collabora con «il venerdí di Repubblica» e con «tuttolibri». È tradotto in sedici Paesi.

Cose d'interni, c/so Gran Priorato di Malta,88, Capua  

Casertamusica.com - Portale di musica, arte e cultura casertana. Testi ed immagini, ove non diversamente specificato, sono proprietà di Casertamusica.com e della Associazione Casertamusica & Arte. Vietata ogni riproduzione, copia, elaborazione anche parziale. Tutti i diritti riservati. Per segnalazioni: redazione@casertamusica.com
Related sites: Orchestra Popolare Campana - Locali Caserta - Corepolis - Centro Yoga L'Arnia.