Francesco Paglino

Chiromantica ode

Peppe Romano, Michele Tarallo e Pierluigi Tortora

L’arte di strisciare

Luigi Cinone

  

Teatro Ettore Petrolini: 1° stagione teatrale

Santa Maria Capua Vetere – dal 25 novembre 2017

Comunicto stampa

Si aprirà, sabato 25 novembre 2017 alle ore 21 con replica domenica 26 novembre alle ore 18, con lo spettacolo Massimo Circo la prima stagione teatrale del Teatro Ettore Petrolini, riaperto dall’Associazione Culturale OLA Fabbrica Creativa all’interno dell’ex carcere minorile Angiulli a Santa Maria Capua Vetere, con la direzione artistica di Rino Della Corte
La riapertura del Teatro rientra nel progetto “Apriamo il sipario” realizzato dalla stessa Associazione in collaborazione con il Ministero di Giustizia Dipartimento per Giustizia Minorile e di Comunità S.D.P. Angiulli S. Maria C.V., il Comune di S. Maria C.V. e l’Assessorato alle Politiche Sociali e Giovanili di S.Maria C.V. che si svilupperà, oltre che con la stagione teatrale, con laboratori di cinema, teatro, fotografia e comunicazione per i ragazzi a rischio e mattinate dedicate con le scuole di ogni ordine e grado.
sabato 25, ore 21, e domenica 26 novembre, ore 18
Massimo Circo
alla grande e all'incantatura Fabio D'Addio
alla presenza e all'elefante Francesco Paglino
ai suonati e ai lupini Marcello Squillante
Dopo UN SASSO NELLA TESTA, (tratto da “Spider” di Patrick Mc Grath, produzione Teatri Uniti, regia di Andrea Renzi, con Francesco Paglino, drammaturgia Fabio D'Addio e Francesco Paglino) il monologo che attraverso il tema della follia ci ha permesso di iniziare una nostra ricerca sul linguaggio e della sua ripercussione in scena, abbiamo avuto l'esigenza di cambiare registro e temperatura tenendo conto del nostro modo di creare e volendolo approfondire. Il linguaggio di Agostino (Spider) è andato delineandosi man mano che ne approfondivamo le connessioni. Con Fabio ci siamo lasciati affascinare dall'immagine che Agostino non cercasse le parole, ma queste, da troppo tempo sopite, avessero necessità di uscire e azzuffandosi e cozzando, con gran fatica riuscissero ad incanalarsi come in un imbuto e farsi visione, dando in questo modo un ritmo sincopato alla storia.
MASSIMO CIRCO, nasce dalla necessità di approfondire la nostra ricerca toccando altre corde, altre storie, di far arrivare la poesia dei testi “sacri” dal basso, dal popolo, da due balordi appunto. Lentamente, si sono delineati i due personaggi che danno voce a questo lacerto di vita con la saggezza e l'avventatezza di chi è ai margini della società. Due personaggi che per sopravvivere masticano le parole di alcuni dei più grandi poeti del novecento e malgrado loro anche parole scritte di nostro pugno come utili spunti drammaturgici.
Due personaggi che il caso ha voluto insieme, un capocomico (per necessità) e il nipote del fisarmonicista titolare al debutto, una coppia che fa del vuoto sotto i piedi una forza e che tra leggerezza e inconsapevolezza riempie lo spazio. A questo si aggiungono le musiche originali di Andrea Russo eseguite in scena da Marcello Squillante. Con Andrea, ci siamo spesso incontrati per ricercare, scandagliare, trovare la cifra giusta per far dialogare le due voci e lasciare che le invenzioni linguistiche e musicali si armonizzassero. Alcune di quelle improvvisazioni sono entrate nella struttura circolare dello spettacolo.
Lo spettacolo dura quarantacinque minuti e nel turbinio degli accadimenti tocca temi che vanno dal sopruso alla rinascita, dall'ira all'amore, dalla morte alla vita.
Francesco Paglino.
Si é formato incrociando i percorsi di Roberto Castello, Theodoros Terzopulos, Judith Malina, Jurij Alschitz e Mamadou Dioume, storico interprete del teatro di Peter Brook. Al cinema é diretto da Paolo Sorrentino, Stefano Incerti e Roberto Faenza. A teatro ha lavorato con Renato Carpentieri, Enrique Vargas, Remondi e Caporossi e in numerose produzioni di Teatri Uniti con la regia di Andrea Renzi e di Toni Servillo.
sabato 2, ore 21, e domenica 3 dicembre, ore 18
Chiromantica ode telefonica agli abbandonati amori di e con Roberto Solofria e Sergio Del Prete
da Enzo Moscato, Giuseppe Patroni Griffi, Annibale Ruccello, Francesco Silvestri
uno spettacolo di e con Roberto Solofria e Sergio Del Prete, una coproduzione Mutamenti/Teatro Civico 14 e Murìcena Teatro
assistenti alla regia Ilaria Delli Paoli e Antimo Casertano, musiche originali Paky Di Maio, costumi Alina Lombardi, elementi scenografici Francesco Petriccione, foto di scena Marco Ghidelli, organizzazione Napoleone Zavatto.
estratti da: Ragazze sole con qualche esperienza, di Enzo Moscato, Scende giù per Toledo, di Giuseppe Patroni Griffi, Le cinque rose di Jennifer, di Annibale Ruccello, Streghe da Marciapiede, di Francesco Silvestri e da Schiume (in Partitura) di Enzo Moscato e Occhi gettati, di Enzo Moscato
Anime abbandonate in attesa di risposte. Anime squartate che attendono i loro amori attraverso una telefonata o fondi di bicchieri. Un viaggio all’interno di una camera da letto napoletana, luogo di segreti, verità ed essenzialità, in cui i testi di Enzo Moscato, Giuseppe Patroni Griffi, Annibale Ruccello e Francesco Silvestri prendono vita, unendosi, facendo l’amore tra di loro, partorendo una figlia di nome Passione. È la storia di vite stracciate, violentate, che attraversano un mondo comune a tutti. Personaggi diversi, ma con un unico fil rouge che li racchiude in un solo luogo.
Lo spettacolo è tratto dalle opere di Enzo Moscato, Giuseppe Patroni Griffi, Annibale Ruccello e Francesco Silvestri. Opere che hanno come caratteristica comune quella di creare personaggi in grado di esplorare al di là del sessuale ordinario, con tutte le implicazioni sociali e politiche che comporta. Sono autori che si sono fatti interpreti del mondo che circonda il teatro napoletano intorno agli anni ‘80. Parliamo di personaggi che masticano pensieri e rigurgitano fantasmi, ai quali si finisce per attribuire una consistenza credibile perché aderenti alla realtà sociale che ci circonda. Parliamo di travestiti, di prostituzione e di una grande ossessione: l’amore. E lo facciamo attraverso il teatro. Il nostro scopo è quello di mettere insieme i segni di quella profonda intimità dell’animo umano che i drammaturghi in questione sono riusciti a portare nelle loro opere. Per questo riteniamo che l’esperienza civile e artistica legata allo spettacolo passo accrescere il valore della differenza nella nostra società.
venerdì 8, ore 21, e domenica 10 dicembre, ore 18
Quelli del diploma del 1982 di Pierluigi Tortora; con Peppe Romano, Michele Tarallo e Pierluigi Tortora.
La commedia è la storia di tre compagni di classe che si rivedono dopo trent’anni dal diploma conseguito nel 1982. Michele Tanzillo, Peppe Bifone e Pierluigi Caprio vivono tre mondi assolutamente diversi.
L’incontro è procurato dalla ricerca di uno dei tre che attraverso un social contatta gli altri due per rivedersi una sera a cena. Si ritroveranno quasi da sconosciuti, ma ben presto attiveranno una serie di ricordi che immediatamente li faranno sentire nuovamente vicini e amici. Una storia che parla di amicizia, ma anche di tanta solitudine compagna dei nostri giorni. Certamente lo spettatore attraverso la storia e i tre caratteri dei personaggi riderà di gusto e si divertirà, ma al tempo stesso avrà la sensazione per il tempo dello spettacolo di essere uno dei tre.
sabato 16, ore 21 e domenica 17 dicembre, ore 18, "L’arte di strisciare" di Rosario Santella
con Caterina Tanzi, Francantonio, Andrea Soldano, Fabio Palliola
L’atto unico di Rosario Santella arbitrariamente tratto da "Saggio sull'arte di strisciare ad uso dei cortigiani" di Paul H.D. d'Holbach.
In scena Caterina Tanzi, Francantonio, Andrea Soldano, Fabio Palliola.
“L’arte di strisciare” è una commedia comica e raffinata e come dice l’autore:
“Ho preso a prestito dalla penna del barone Paul H. D. d'Holbach, compagno di Diderot all'Enciclopedia, nonché amico di pensatori quali Hume, Adam Smith e Cesare Beccaria, il suo piccolissimo "Saggio sull'arte di strisciare ad uso dei Cortigiani" per ricavarne, indegnamente ed ignobilmente, la mia ultima pieces teatrale.
Questo perché il citato delizioso e crudelissimo divertissement del filosofo tedesco, sembra ancora, pur a distanza di così tanti anni dalla sua stesura, un prezioso vademecum per i tempi che ci ospitano, in cui l’indipendenza del volere, del pensare e del dire, la volontà di sottrarsi alla piaggeria verso il potere vengono percepite come inopportune, controproducenti, fastidiose e irrimediabilmente lontane dal bon ton dei tempi nuovissimi.
Con stile satirico e pungente senza pari, esso ridicolizza, ancora oggi, il cuore del sistema di potere, così come quest'ultimo si configura tra i palazzi e le dimore dei novelli "notabili" precipitati dalle varie "Ruote della Fortuna" con tutto quanto ne consegue in termini di ciambellani, dignitari, consiglieri, avvocati, maggiordomi, medici, preparatori atletici, cuochi, giardinieri, menestrelli, giullari, guardie, servi, ciarlatani, ruffiani e cortigiane, queste ultime nel frattempo evolutesi nelle varie forme di parlamentari, ministre, show-girl ed escort.
Il servilismo sciocco, vacuo, volgare, di un tempo eterno che si ripete uguale a se stesso, ma sempre e solo in termini di farsa.”
I costumi sono di Stefania Guida ed i lavori di sartoria di Rosaria Canonico.
venerdì 29, ore 21 e sabato 30 dicembre, ore 18
…Vieni avanti cretino! di e con Giovanni Allocca e Enzo Varone e con Marco Mantovanelli pianoforte e voce
venerdì 5, ore 21 e domenica 7 gennaio, ore 18
Quando al cinema si fumava con Luigi Cinone, scritto e diretto da Rino Della CorteIl monologo, a tratti comico, a tratti ironico, a tratti nostalgico, fa rivivere il clima dei cinema di provincia a cavallo fra gli anni 70’ e 80’ catapultando lo spettatore in quelle atmosfere rarefatte dove era ancora possibile fumare guardando un film.
Lo spettacolo si potrebbe racchiudere in una frase: “c’erano i film proiettati sullo schermo e c’erano le storie di vita in sala.”
sabato 13, ore 21 e domenica 14 gennaio, ore 18
Fiore cresciuto nella stessa terra mia, concerto per chitarra e voce di Antonello Musto

per il pubblico informazione per gli spettacoli : pagina facebook: olafabbricacreativa – info: +39 3927354500
mail: olafabbricacreativa@libero.it
phone: +39 328 73 75 794
facebook: olafabbricacreativa

Casertamusica.com - Portale di musica, arte e cultura casertana. Testi ed immagini, ove non diversamente specificato, sono proprietà di Casertamusica.com e della Associazione Casertamusica & Arte. Vietata ogni riproduzione, copia, elaborazione anche parziale. Tutti i diritti riservati.